Aria 1 Duc

Frédéric «AIR» Gutierrez è nato a Clichy nel 1972. All'età di 12 anni, quando la televisione trasmetteva H.I.P.H.O.P, si è subito interessato all'hip-hop — una cultura emergente degli Stati Uniti che combina musica, danza e graffiti. Nel 1986 ha iniziato a creare la sua arte nel suo ambiente: le strade, gli autobus, i treni, le ferrovie, fino al metrò parigino. Giorno e notte, tutto sembra raggiungibile per lui. È affascinato da questa scoperta, dall'effetto di trasparenza degli inchiostri, dagli strati di vernice su diverse superfici. Si ispira ai pionieri francesi come DARCO e SCALE che si sono presi cura della linea di Parigi Saint-Lazare. Diventa rapidamente una dipendenza, una caccia costante a nuovi mezzi.

In Francia questi sono gli inizi di una nuova tendenza artistica. È anche un periodo molto intenso, fatto di scontri tra bande rivali e inseguimenti con gli agenti di polizia. Due anni dopo, è partito per la «Mecca» del graffiti di New York. Sentiva il bisogno di capire cosa stava facendo. Eppure, non sapeva cosa stava facendo. Questo viaggio iniziatico ispirerà gli altri. Migliorerà attraverso incontri e condivisioni con i suoi "padri"... Londra, Monaco, Amsterdam, Montreal, Bruxelles, l'hip-hop e il graffiti sono ovunque. La sua pittura evolve attraverso i suoi incontri e i suoi viaggi.

Nel 1991 si unì al gruppo DUC (Da Underground Criminalz), uno dei "crew" più influenti dell'Ovest di Parigi, accanto a Sino, Shuck2, Sect... Con il suo compagno di vita DJ Kefay, conducono un programma radiofonico, “Kool and Radikal”. Hanno introdotto il graffiti e l'intera cultura dell'hip-hop a una nuova generazione. Air viaggia per il mondo e dipinge graffiti insieme ai nomi famosi di questa tendenza artistica. Pochi anni dopo, ha creato con Sino, zantz, emir e Somi, una rivista chiamata «Keep it Real», le cui pagine mettono in evidenza artisti hip-hop francesi. Poi di nuovo con Sino, recentemente trasferitosi a Montreal, sono diventati i primi importatori nordamericani di vernici specializzate per graffiti.

Come gli piace dire, il graffiti gli ha salvato la vita. Il suo interesse per il disegno lo ha portato al suo attuale lavoro di Direttore Artistico, allontanandosi dalle storie losche di alcuni quartieri. È anche il creatore di molti loghi e produzioni legate a questa cultura. Nel 2000, a Londra, Montreal e Parigi, ha partecipato all'inizio di mostre di pittura sul tema del graffiti. L'inizio di un riconoscimento nel mondo dell'arte.

Oggi divide il suo tempo tra il lavoro e le sue opere d'arte. Il suo lavoro su tela è il riflesso di 30 anni di graffiti. Rivela le principali idee del graffiti, la lettera, l'energia che può emettere in situ, il movimento con cui è sempre legato, le atmosfere con cui è associato e la sua complessa semplicità. Le sue opere contengono 30 anni di storia, pratica e una ricerca perpetua del «vero» graffiti.

INSTAGRAM SITO UFFICIALE FACEBOOK

Filter by

Artist
0 selected Reset
Themes
0 selected Reset
Prezzo
$
$